RSS - Iscriviti! 
13
Mag
2009

Dai recettori dell'aldosterone alla liquirizia: storia di una collaborazione con l?Australia


Decio Armanini
Dal 1981 al 1982 ho passato un anno in Australia lavorando presso il MRC del Prince Henry’s Hospital della
Monash University di Melbourne. Dopo numerosi anni, in occasione di un altro viaggio a Melbourne, avevo
cercato di nuovo la struttura in South Yarra, ma purtroppo era stata rasa al suolo ed un nuovo centro era
stato aperto a Claiton.
Il Prof. JW Funder a cui mi lega una particolare amicizia e riconoscenza era allora il responsabile del Centro
e tuttora ci vediamo in occasione dei vari Congressi.
Ho lasciato numerosi ricordi e amici a Melbourne ove di nuovo ho passato altri due mesi nel 1996 presso il
Children Hospital dell’Università di Melbourne presso il centro di endocrinologia Pediatrica diretto dal prof
G Warne, alloggiando in una casetta vittoriana in Elgin street. Per tale soggiorno ho usufruito del programma
di scambi di docenti fra le Università di Melbourne e di Padova.
Ho lasciato in Australia molti ricordi e soprattutto ho incamerato un bagaglio scientifico che mi è servito per
proseguire il filone di ricerca.
La mia prima permanenza in Australia è stata un’esperienza scientifica importante, anche perché ho potuto
sviluppare un progetto a cui tenevo particolarmente, legato allo studio dei recettori dell’aldosterone, un
ormone prodotto dal surrene che regola il metabolismo dell’acqua, del sodio e del potassio e che attualmente
sembra anche implicato anche in numerose patologie cardiovascolari.
Durante la permanenza a Melbourne, dopo aver acquisito le tecniche di dosaggio dei recettori
dell’aldosterone mediante radioreceptorassay, con il prezioso aiuto di Z. Krozowski, mi sono dedicato allo
studio di sostanze esogene che potevano mimare l’effetto dell’aldosterone. In particolare avevo studiato
l’affinità dei derivati della liquirizia per il recettore dell’aldosterone nel rene e successivamente, con l’aiuto del
Prof B. Adam e di G. Golan del Repatriation Hospital di Heidelberg, ho valutato l’effetto in vivo nel ratto di
tali derivati della liquirizia sull’escrezione di sodio e potassio.
Uno dei primi lavori pubblicati in Australia aveva dimostrato come il carbenoxolone, derivato della liquirizia,
si leghi direttamente al recettore dell’aldosterone ed eserciti un’azione diretta nel ratto sulla escrezione di
sodio e potassio (1).
Successivamente abbiamo dimostrato che anche il principio attivo della liquirizia può causare un effetto
diretto sul recettore dell’aldosterone (2).
Di ritorno a Padova abbiamo fatto uno studio, in cui sono state coinvolte delle collaboratrici del Prof.
Funder in visita presso il nostro centro, sull’effetto del carbenoxolone direttamente nell’uomo, dimostrando
che la sostanza è in grado di esercitare sia un’azione diretta sul recettore dell'aldosterone, quando assunta ad
alte dosi, sia di bloccare l’accesso dell'aldosterone al suo recettore attraverso l’inibizione di un enzima renale,
la 11 idrossisteroido-deidrogenasi di tipo 2, favorendo quindi l’insorgenza di un’ipertensione simile a quella
provocata dall’aldosterone ma dovuta al legame del cortisolo al recettore dell’aldosterone (3). Un effetto
analogo in vivo è stato successivamente dimostrato per la liquirizia (4)
Negli anni successivi la radice della liquirizia è rimasta uno dei miei più importanti campi di ricerca anche
considerando che in Italia e in altri paesi i suoi estratti sono comunemente usati per migliorare l’alito e come
rinfrescante. Abbiamo anche svolto numerosi studi sulla storia della sostanza che è usata da millenni in
medicina e tante applicazioni oggi dimostrate scientificamente erano note sin dall’antiuchità (5)
Nel 1985, durante un soggiorno in Germania a Monaco di Baviera, avevo messo a punto una metodica per
misurare i recettori dell'aldosterone nei linfociti umani e mediante tale metodica avevo potuto studiare
numerose situazioni cliniche, di cui la più importante era stata una collaborazione con John sullo
pseudoipoaldosteronismo, una situazione clinica in cui vi sono tutti i segni della mancanza dell’aldosterone
ma in realtà l’aldosterone è molto elevato ma non attivo. Abbiamo dimostrato che la malattia è dovuta ad una
incapacità dell’aldosterone di legarsi al suo recettore (6). Successivi studi hanno poi evidenziato che vi erano
delle mutazioni del recettore stesso a confermare il nostro riscontro preliminare.
Negli ultimi anni abbiamo sviluppato ulteriori studi sulla liquirizia, utilizzando metodiche varie anche di
espressione genica.
I lavori più importanti hanno evidenziato che la liquirizia ha un’azione di blocco parziale della sintesi di
testosterone (7). Tale situazione nel maschio non è rilevante, dato che l’ormone non scende sotto i valori di
norma durante l’assunzione della sostanza, mentre nella femmina, in cui il testosterone ha valori più bassi, si
nota una riduzione degli ormoni maschili tale da avere applicazioni terapeutiche sia negli stati di irsutismo
che nella sindrome dell'ovaio policistico (8,9). In tali situazioni si deve tenere presente che l’uso prolungato a
dosi elevate di liquirizia può sempre dare effetti indesiderati come l’ipertensione e l’ipokalemia e quindi la
sostanza deve essere somministrata come un farmaco.
Un altro studio ha evidenziato come la liquirizia trovi utile applicazione nell’obesità. L’acido glicirretinico,
principio attivo delle liquirizia, infatti è in grado anche di bloccare un enzima del tessuto grasso, la 11
idrossisteroido deidrogenasi di tipo 1. Tale enzima di solito attiva il cortisone a cortisolo favorendo
Ambasciata d’Italia
CANBERRA
Bollettino della Comunità Scientifica in Australasia
Aprile 2007
39
l’incorporazione di trigliceridi negli adipociti. Il suo blocco riduce la disponibilità di cortisolo e pertanto
anche quella di trigliceridi negli adipociti. Infatti, l’uso per os di liquirizia riduce la massa grassa corporea. È
interessante che tale riduzione non si accompagna ad una riduzione del peso corporeo in quanto la liquirizia
per la sua azione aldosteronosimile fa anche trattenere liquidi e quindi aumenta l’acqua corporea (10).
In uno studio successivo abbiamo anche dimostrato che una crema a base di acido glicirrretinico è in grado
di ridurre in modo significativo il grasso sottocutaneo superficiale delle cosce in donne volontarie dopo due
mesi di trattamento.Tale effetto è stato dimostrato sia con la misurazione della circonferenza dell’arto in un
punto premarcato, sia con la misurazione dello spessore dello strato di grasso superficiale mediante ecografia
(11). Tale preparato ha trovato applicazione clinica nell’obesità sottocutanea localizzata, in quanto si è
dimostrato che non vi sono ripercussioni sul metabolismo idrico valutato misurando i parametri ormonali
che sono influenzati dalla liquirzia.
Di recente abbiamo dimostrato che la liquerizia è in grado anche di modificare la regolazione del
paratormone in particolare alzandolo in modo significativo ma senza portarlo su valori elevati. Si è visto che
il PTH a dosi fisiologiche è in grado di migliorare il metabolismo calcico osseo (12).
Da tutti questi studi si vede come l’aver frequentato il MRC del Prince Henry’s Hospital è stato il punto di
inizio di una buona parte della mia produzione scientifica, mantenendo il contatto con persone a cui devo
molta riconoscenza e amicizia. Quello però che sia io che mia moglie ricordiamo con molto piacere e
nostalgia sono anche vari viaggi in Australia non solo per lavoro ma talora anche abbinando meravigliose
vacanze, come a Palm Cove, Port Douglas, Surfer Paradise e la costa di Adelaide etc, sia in macchina (una
Datsun con 300.000 chilometri) sia con altri mezzi.
References
1-Armanini D, Karbowiak I, Krozowski Z, Funder JW, Adam WR. The mechanism of mineralocorticoid action of
carbenoxolone. Endocrinology. 1982;111:1683-6
2-Armanini D, Karbowiak I, Funder JW. Affinity of liquorice derivatives for mineralocorticoid and glucocorticoid
receptors. Clin Endocrinol (Oxf). 1983;19:609-12.
3-Armanini D, Scali M, Zennaro MC, Karbowiak I, Wallace C, Lewicka S, Vecsei P, Mantero F. The pathogenesis of
pseudohyperaldosteronism from carbenoxolone. J Endocrinol Invest. 1989 ;12:337-41.
4-Armanini D, Lewicka S, Pratesi C, Scali M, Zennaro MC, Zovato S, Gottardo C, Simoncini M, Spigariol A, Zampollo
V. Further studies on the mechanism of the mineralocorticoid action of licorice in humans. J Endocrinol Invest.
1996;19:624-9.
5-Fiore C, Eisenhut M, Ragazzi E, Zanchin G, Armanini D. A history of the therapeutic use of liquorice in Europe. J
Ethnopharmacol. 2005 ;99:317-24.
6-Armanini D, Kuhnle U, Strasser T, Dorr H, Butenandt I, Weber PC, Stockigt JR, Pearce P, Funder JW. Aldosteronereceptor
deficiency in pseudohypoaldosteronism. N Engl J Med. 1985;313:1178-81.
7-Armanini D, Bonanni G, Palermo M. Reduction of serum testosterone in men by licorice. N Engl J Med. 1999
;341:1158.
8-Armanini D, Mattarello MJ, Fiore C, Bonanni G, Scaroni C, Sartorato P, Palermo M. Licorice reduces serum
testosterone in healthy women. Steroids. 2004;69:763-6.
9-Armanini D, Castello R, Scaroni C, Bonanni G, Faccini G, Pellati D, Bertoldo A, Fiore C, Moghetti P. Treatment of
polycystic ovary syndrome with spironolactone plus licorice. Eur J Obstet Gynecol Reprod Biol. 2006
10-Armanini D, De Palo CB, Mattarello MJ, Spinella P, Zaccaria M, Ermolao A, Palermo M, Fiore C, Sartorato P,
Francini-Pesenti F, Karbowiak I. Effect of licorice on the reduction of body fat mass in healthy subjects. J Endocrinol
Invest. 2003;26:646-50.
11-Armanini D, Nacamulli D, Francini-Pesenti F, Battagin G, Ragazzi E, Fiore C. Glycyrrhetinic acid, the active
principle of licorice, can reduce the thickness of subcutaneous thigh fat through topical application. Steroids.
2005;70:538-42
12-Mattarello MJ, Benedini S, Fiore C, Camozzi V, Sartorato P, Luisetto G, Armanini D. Effect of licorice on PTH
levels in healthy women. Steroids. 2006;71:403-8
Decio

 Invia un commento
| Leggi commenti (2) - Letto  7631  volte
Commenti
percaterina la sindome dell'ovaio policistico può manifestarsi anche con ormoni nella norma. In ogni caso i suoi valori di insulina sono elevati cosa tipica della PCOS-La aterpia con contraccettivi o e androcur spesso è efficace ma il quadro ritorna alla sospension. L'aldactone è molto più efficace mi andrebbe sommministrato op ua valtazione complesisva del problema (ginecologica, internistica metabolica etc) Non so dove abiti ma la vorrei visitare per valutare la terapia piu' adatta che dovrebbe anche miglorare la resistenza insulinica Mi mandi un email e vedremo come fare decio.armanini@unipd.it


Inserito il: 02.09.2012 14:29 da decioarmanini - Sito: http://www.decioarmanini.it
Gentile dott. Armanini, sono una ragazza di 33 anni, affetta da una grave e persistente forma di acne, associata a seborrea e un lieve irsutismo, che mi perseguita da quando avevo 16 anni. Ho provato praticamente di tutto. Ho assunto per circa 12 anni milvane e androcour, ma ad ogni sospensione il problema ricompariva,causa un ovaio policistico,mai chiaramente accertato in quanto i miei dosaggi ormonali sono nella norma, fatta eccezione per gli estrogeni lievemente alti(17 beta estradiolo 317:57 )il mio ciclo e il mio peso sono regolari, le segnalo solo ritenzione idrica diffusa in tutto il corpo e un nodulo alla tiroide asintomatico, mai trattato poichè anche in questo caso gli esami risultano nella norma. Volevo inviarle i valori della mia curva glicemica: glicemia basale 84; con carico di glucosio da 75 g, dopo 30: 126, dopo 60 108 dopo 90: 129, dopo 120, 120, insulinemia basale 8.0, dopo 30 49.3, dopo 60, 16.3, dopo 90: 34.9, dopo 120 ,57.5 Pensa che la cura con lo spironolattone possa fare al mio caso? La cura ormonale che ho seguito mi ha ridotto il ciclo mestruale e in parte mi ha compromesso la funzionalità epatica: mi succede che quanto assumo un farmaco per un tot di tempo le transaminasi si alzano, recentemente mi e? successo con il diflucan. Cordiali Saluti


Inserito il: 29.08.2012 13:28 da caterina


» Lascia un commento